Papà

Non sopportavo il peso della tua assenza,
ma ho capito
che è inevitabile.
Ho sempre mentito
per non ammettere a me stessa
la tua insopportabile mancanza.
Credo sia ormai inutile negarlo,
perché non è normale crescere
senza un padre.
Quante notti passate a pensarti,
a piangere.

Ti capita mai di pensarmi?

La paura che tu mi abbia cancellata
è un dubbio che mi affligge
ogni giorno da quando sono nata.
Ti cerco nei padri degli altri
nei sorrisi, negli sguardi
e nella mano
che non smettono di dare
ai loro figli.
Ricordo l’ultima volta che ci vedemmo e quell’abbraccio impacciato
per il nostro esserci così estranei.

Non sarò più parte di te
sulla carta,
ma nel mio cuore
io resto tua figlia
e tu mio padre.

Valentina Benetton

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...